Inseminazione intrauterina
Inseminazione intrauterina

L'inseminazione intrauterina (IUI), tecnica di fecondazione assistita di primo livello, consiste nell'introduzione del liquido seminale trattato in laboratorio all'interno della cavità uterina.

Tale tecnica può essere utilizzata sia su ciclo ovarico spontaneo che su ciclo con induzione farmacologica dell'ovulazione multipla.

QUANDO RICORRERE ALL'INSEMINAZIONE INTRAUTERINA?
  • sterilità inspiegata
  • infertilità maschile lieve - moderata
  • fallimento di vari cicli di rapporti mirati
  • tutti i casi di incompatibilità tra liquido seminale e muco cervicale
COME SI ESEGUE L'INSEMINAZIONE INTRAUTERINA?

La tecnica va obbligatoriamente preceduta da una dimostrazione di pervietà delle tube (tramite isterosalpingografia e laparoscopia). In ogni caso quello che viene praticato è una accurato monitoraggio ecografico dell'ovulazione fino al raggiungimento delle dimensioni follicolari ideali e dopo 36-42 ore dalla somministrazione di hCGH viene introdotto in cavità uterina il liquido seminale capacitato con un catetere sterile preferibilmente sotto controllo ecografico. In genere si considera un numero di 5-6 tentativi il limite massimo poiché dopo tale numero sembra che la normale probabilità di riuscita, che solitamente è del 20% per tentativo, scenda vertiginosamente per cui è consigliabile in tal caso cambiare tecnica.

L'inseminazione intrauterina (IUI), tecnica di fecondazione assistita di primo livello, consiste nell'introduzione del liquido seminale trattato in laboratorio all'interno della cavità uterina.

Tale tecnica può essere utilizzata sia su ciclo ovarico spontaneo che su ciclo con induzione farmacologica dell'ovulazione multipla.

QUANDO RICORRERE ALL'INSEMINAZIONE INTRAUTERINA?
  • sterilità inspiegata
  • infertilità maschile lieve - moderata
  • fallimento di vari cicli di rapporti mirati
  • tutti i casi di incompatibilità tra liquido seminale e muco cervicale
COME SI ESEGUE L'INSEMINAZIONE INTRAUTERINA?

La tecnica va obbligatoriamente preceduta da una dimostrazione di pervietà delle tube (tramite isterosalpingografia e laparoscopia). In ogni caso quello che viene praticato è una accurato monitoraggio ecografico dell'ovulazione fino al raggiungimento delle dimensioni follicolari ideali e dopo 36-42 ore dalla somministrazione di hCGH viene introdotto in cavità uterina il liquido seminale capacitato con un catetere sterile preferibilmente sotto controllo ecografico. In genere si considera un numero di 5-6 tentativi il limite massimo poiché dopo tale numero sembra che la normale probabilità di riuscita, che solitamente è del 20% per tentativo, scenda vertiginosamente per cui è consigliabile in tal caso cambiare tecnica.

Ginecologo Palermo - Dr. Andrea Biondo - Specialista in fisiopatologia della riproduzione umana
Contatti
Studio di Ginecologia e Ostetricia
Via XX Settembre, 69
90414 Palermo
Tel. 091.306762
P.Iva 04220740825
Iscrizione Ordine dei Medici n. 10680
Contatti
Studio di Ginecologia e Ostetricia
Via XX Settembre, 69
90414 Palermo
Tel. 091.306762
P.Iva 04220740825
Iscriz. Ordine dei Medici n. 10680
Aree principali
Gravidanza
Diagnostica prenatale
Contraccezione
Sterilità/Fertilità
Fecondazione assistita
Infezione da HPV
Aree principali
Gravidanza
Diagnostica prenatale
Contraccezione
Sterilità/Fertilità
Fecondazione assistita
Infezione da HPV
Altre informazioni
Calcolatori gravidanza
Partner
Link
Altre informazioni
Calcolatori gravidanza
Partner
Link
Facebook LinkYoutube Link