Cerchiaggio del collo uterino
Cerchiaggio del collo uterino

Si tratta di un intervento quasi del tutto abbandonato perché la causa più frequente di incontinenza del collo dell'utero era il numero elevato di gravidanze effettuate dalla stessa donna: oggi, invece, il numero di gravidanze per ogni donna è in media una, per cui la causa del problema viene a mancare. Però il problema si verifica ancora in donne che hanno affrontato numerose interruzioni volontarie di gravidanza.
Infatti, per svuotare l'utero a causa di una interruzione di gravidanza è necessario dilatare il collo di quest'organo. La dilatazione, se ripetuta più volte, può lasciare lacerazioni nei tessuti che in gravidanza non saranno più in grado di chiudere il collo: da qui la necessità di effettuare un cerchiaggio

Come avviene
L'intervento consiste nell'inserimento di una fettuccia (di materiale non assorbibile) spessa circa 1 centimetro. L'operazione (eseguita in anestesia generale) si effettua "a caldo", cioè quando si presenta in gravidanza la necessità, non riscontrata in precedenza, oppure quando il cerchiaggio è stato programmato: in questi casi il periodo migliore per effettuarlo è alla 12°-13° settimana di gravidanza

La paziente dovrà fare poi per circa 10 giorni una terapia tocolitica (cioè atta a prevenire le contrazioni uterine).
Il filo del cerchiaggio dovrà essere poi rimosso intorno alla 36° settimana di gravidanza.

Si tratta di un intervento quasi del tutto abbandonato perché la causa più frequente di incontinenza del collo dell'utero era il numero elevato di gravidanze effettuate dalla stessa donna: oggi, invece, il numero di gravidanze per ogni donna è in media una, per cui la causa del problema viene a mancare. Però il problema si verifica ancora in donne che hanno affrontato numerose interruzioni volontarie di gravidanza.
Infatti, per svuotare l'utero a causa di una interruzione di gravidanza è necessario dilatare il collo di quest'organo. La dilatazione, se ripetuta più volte, può lasciare lacerazioni nei tessuti che in gravidanza non saranno più in grado di chiudere il collo: da qui la necessità di effettuare un cerchiaggio

Come avviene
L'intervento consiste nell'inserimento di una fettuccia (di materiale non assorbibile) spessa circa 1 centimetro. L'operazione (eseguita in anestesia generale) si effettua "a caldo", cioè quando si presenta in gravidanza la necessità, non riscontrata in precedenza, oppure quando il cerchiaggio è stato programmato: in questi casi il periodo migliore per effettuarlo è alla 12°-13° settimana di gravidanza

La paziente dovrà fare poi per circa 10 giorni una terapia tocolitica (cioè atta a prevenire le contrazioni uterine).
Il filo del cerchiaggio dovrà essere poi rimosso intorno alla 36° settimana di gravidanza.

Ginecologo Palermo - Dr. Andrea Biondo - Specialista in fisiopatologia della riproduzione umana
Contatti
Studio di Ginecologia e Ostetricia
Via XX Settembre, 69
90414 Palermo
Tel. 091.306762
P.Iva 04220740825
Iscrizione Ordine dei Medici n. 10680
Contatti
Studio di Ginecologia e Ostetricia
Via XX Settembre, 69
90414 Palermo
Tel. 091.306762
P.Iva 04220740825
Iscriz. Ordine dei Medici n. 10680
Aree principali
Gravidanza
Diagnostica prenatale
Contraccezione
Sterilità/Fertilità
Fecondazione assistita
Infezione da HPV
Aree principali
Gravidanza
Diagnostica prenatale
Contraccezione
Sterilità/Fertilità
Fecondazione assistita
Infezione da HPV
Altre informazioni
Calcolatori gravidanza
Partner
Link
Altre informazioni
Calcolatori gravidanza
Partner
Link
Facebook LinkYoutube Link